Pubblicati da Pino Nicotri

Uno dei due piloti dello sgancio della bomba atomica su Nagasaki era un italo americano, figlio di emigrati dal Viareggino

Nei giorni scorsi ci sono stati gli anniversari dell’uso delle prima due bombe atomiche su popolazioni civili. Il 6 agosto 1945 quella su Hiroshima. Tre giorni dopo, 9 agosto, quella su Nagasaki. Storia e tragedia note, anche se si tende ormai a dimenticarle o a ricordarle solo come facciata retorica. Le nuove generazioni dimenticano, ma […]

Invasione della Cecoslovacchia del ‘68 e dell’Iraq del 2003: l’arma iniziale sono sempre le bugie. Amici di Israele: quelli facinorosi è meglio perderli

Agosto 1968: ero in vacanza con due amiche in tenda in un campeggio della Jugoslavia, dalle parti di Porec, in italiano Parenzo, quando è arrivata la notizia dell’invasione della Cecoslovacchia da parte dei sovietici e altre truppe del Patto di Varsavia. Finiva così la “primavera di Praga” che cercava di ampliare gli spazi di libertà […]

Questo è sterco. Ma piu che concimare intossica

Non so se sia vero che anche Piero Fassino ha la sua bella firma su un conto corrente estero alimentato in modo non encomiabile, stando a quanto ha raccontato a Repubblica l’ex capo della sicurezza di Telecom Giuliano Tavaroli, ma non dovrebbe essere difficile appurarlo. Certo, se fosse vero, mi sarei scandalizzato di più fino […]

Le Shoà degli altri di cui non si parla: chi ruba i bambini a chi. Ma anche Ratzinger non ci sente….

1) – Il papa è arrivato in Australia. Ha detto qualcosa sui preti pedofili, ma non abbastanza. Ma sarebbe il caso dicesse qualcosa soprattutto sulla “generazione rubata”, vale a dire sugli oltre 100 mila bambini aborigeni rapiti nel secolo scorso alle loro famiglie dai colonizzatori bianchi per essere “civilizzati” e “cristianizzati” a tutti i costi, […]

Non so se sia vero che Berlusconi s’è fatto fare dalla signora Garfagna le stesse molto piacevoli cose che Clinton, decisamente sfigato, si faceva fare dalla Lewinsky, che sta alla Garfagna come io sto al Davide di Donatello.

Non so neppure se se ne sia poi anche vantato per telefono con i propri sodali. Se sì, telefonate a parte, lo invidio molto, invidia che aumenta alla notizia che ha goduto anche delle grazie di un’altra bellona come Virginia Sanjust di Teulada, retribuita poi con contratto e soldi di Palazzo Chigi, trovo però che […]

LE VERITA’ NEGATE SULLA FINE DI ENRICO MATTEI – 4

di Benito Li Vigni Il giorno dello sciacallo La mattina del 27 ottobre Mattei raggiunge Gagliano in elicottero e da un balcone prospiciente il monumento ai caduti, dov’era stato installato un microfono, parla alla folla che preme nella piazza. Gli sono accanto il presidente della Regione D’Angelo, il sindaco del paese e altre autorità locali.

LE VERITA’ NEGATE SULLA FINE DI ENRICO MATTEI – 3

di Benito Li Vigni L’accordo algerino e il progetto europeo Non era un mistero che Mattei teneva stretti rapporti con il governo provvisorio della Repubblica algerina, che allora combatteva per l’indipendenza dalla Francia. Era cominciata nel ’56 la lotta di liberazione del popolo algerino contro i francesi: la casbah di Algeri divenne un fronte di […]

LE VERITA’ NEGATE SULLA FINE DI ENRICO MATTEI – 2

di Benito Li Vigni Il volta faccia di Cefis Eugenio Cefis, vice presidente dell’Eni, lasciò l’ente nel gennaio del 1962. Motivazione: doveva occuparsi degli affari della moglie. I suoi dissensi con Mattei risalivano all’estate del 1961 quando si pensava che era difficile per l’Eni, oberata di impegni finanziari, ritardare ulteriormente la resa dei conti. Ma, […]

LE VERITA’ NEGATE SULLA FINE DI ENRICO MATTEI – 1

di Benito Li Vigni La mediazione di Kennedy Appena eletto alla Casa Bianca, nel 1960, John Fitzgerald Kennedy dovette far fronte a due problemi che investivano significativamente la compattezza dello schieramento atlantico. Il primo riguardava la Francia e il pericolo di un suo disimpegno a seguito dell’azione di disturbo messa in atto dal generale De […]

LA EXIT STRATEGY DAL PETROLIO E’ URGENTE

LA EXIT STRATEGY DAL PETROLIO E’ URGENTE Molte sono le possibili strade da percorrere, ma il nucleare sarebbe un errore. L’energia pulita può essere per l’Europa il motore di unità e di crescita di Benito Li Vigni Il prezzo del barile di petrolio è destinato a raggiungere i 200 dollari. Da una parte c’è la […]

GIACOMO MATTEOTTI VENNE UCCISO PER AVER SCOPERTO LA CORRUZIONE DI ESPONENTI FASCISTI NELL’AFFARE SINCLAIR

84 ANNI FA L’ELIMINAZIONE DEL CORAGGIOSO ESPONENTE SOCIALISTA GIACOMO MATTEOTTI VENNE UCCISO PER AVER SCOPERTO LA CORRUZIONE DI ESPONENTI FASCISTI NELL’AFFARE SINCLAIR di Benito Li Vigni Henry Sinclair era un petroliere e un finanziere d’assalto abituato a superare a suon di dollari e di favori i meccanismi burocratici, politici, diplomatici, parlamentari di casa sua e […]

LA STRATEGIA ANGLOAMERICANA DIETRO LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE DEGLI ANNI NOVANTA.

LA STRATEGIA ANGLOAMERICANA DIETRO LE PRIVATIZZAZIONI ITALIANE DEGLI ANNI NOVANTA. Grandi banche d’affari straniere avrebbero organizzato l’attacco alla lira, per ridurre il costo delle aziende pubbliche da privatizzare. di Benito Li Vigni Nel 1992, a trent’anni dalla fine di Enrico Mattei, ucciso mentre stava per spezzare la morsa costruita intorno a lui dal cartello petrolifero […]