Uno dei due piloti dello sgancio della bomba atomica su Nagasaki era un italo americano, figlio di emigrati dal Viareggino

Nei giorni scorsi ci sono stati gli anniversari dell’uso delle prima due bombe atomiche su popolazioni civili. Il 6 agosto 1945 quella su Hiroshima. Tre giorni dopo, 9 agosto, quella su Nagasaki. Storia e tragedia note, anche se si tende ormai a dimenticarle o a ricordarle solo come facciata retorica. Le nuove generazioni dimenticano, ma mano sempre di più e sempre meglio. I fatti, anche i più terribili, vengono ricordati solo sui libri di Storia. Qualcuno, preferibilmente trasfigurato in mito, riesce a far parte dell’identità e del dna di un popolo, anche se di solito si preferiscono le leggende pure e semplici. E’ così, con le sdrammatizzazioni successive, di generazione in generazione, che gli errori più orrendi tendono a essere ripetuti. La Storia, si sa, è maestra di vita: peccato solo che gli esseri umani non amano imparare… Continua a leggere

Invasione della Cecoslovacchia del ‘68 e dell’Iraq del 2003: l’arma iniziale sono sempre le bugie. Amici di Israele: quelli facinorosi è meglio perderli

Agosto 1968: ero in vacanza con due amiche in tenda in un campeggio della Jugoslavia, dalle parti di Porec, in italiano Parenzo, quando è arrivata la notizia dell’invasione della Cecoslovacchia da parte dei sovietici e altre truppe del Patto di Varsavia. Finiva così la “primavera di Praga” che cercava di ampliare gli spazi di libertà e democrazia senza uscire dal Patto né dall’economia “comunista”, o meglio statalizzata. I carristi si ritrovano in piazza S. Venceslao ricoperti di insulti, la folla gli chiede perché hanno invaso il Paese e loro piuttosto frastornati, perché non hanno trovato resistenza e nessuno li minaccia, balbettano che sono venuti a difendere il comunismo e il Paese contro “i traditori” e le mire occidentali. Insomma, le truppe erano state imbottite di balle prima di mandarle a occupare la Cecoslovacchia. Continua a leggere

Chi Sono

Caterina Cisotto

VAI AL BLOG

La mia passione per la musica diventa professione nel 1984, quando mi laureo in Lingue e letterature straniere con una tesi su “Frank Zappa e la controcultura americana” e debutto per una tivù del nordest con “Stormy monday”, un programma di videoclip, interviste e concerti registrati in studio, tra i primissimi del genere in Italia. Sempre negli anni Ottanta inizio la mia collaborazione prima come fotografa e poi come giornalista per i quotidiani. Fugacissima la mia esperienza di batterista nel cosiddetto, fantomatico “pop padovano”. Ho lavorato con la musica anche come organizzatrice di concerti (come la rassegna “Luglio è rock”, special guest Billy Bragg) e del concorso dal vivo “Unplugged” con il club Banale di Padova (pronto a  festeggiare i 25 anni di carriera), realizzando per quattro anni una compilation cd  dei 10 gruppi finalisti. Da più di vent’anni mi occupo di cultura & spettacoli per il Gazzettino, il quotidiano più diffuso del nordest, seguendo da vicino jazz e classica, rock e contemporanea, pop e quant’altro. Quando mi gira metto su musica nei club degli amici: sono la campionessa in carica del concorso tra giornalisti/dj organizzato dal circolo “Pixelle”, in attesa di nuovi sfidanti.

Questo è sterco. Ma piu che concimare intossica

Non so se sia vero che anche Piero Fassino ha la sua bella firma su un conto corrente estero alimentato in modo non encomiabile, stando a quanto ha raccontato a Repubblica l’ex capo della sicurezza di Telecom Giuliano Tavaroli, ma non dovrebbe essere difficile appurarlo. Certo, se fosse vero, mi sarei scandalizzato di più fino a ieri, ma nell’Italia di oggi, dove si premiano con un posto in parlamento i felloni colti con le mani nel sacco, dove la Sanità pubblica è diventata la miniera privata di troppi, a partire da quella Comunione e Liberazione che fa da base di potere dell’ex votato alla castità Roberto Formigoni, in questa Italia dove ancora una volta il capo del governo si fa fare le leggi su misura per sfuggire ai giudici e alla galera, ebbene in questa Italia dell’eventuale conto corrente di Fassino non solo reputo ipocrita scandalizzarsi, ma lo trovo anche canagliesco. Continua a leggere

Chi Sono

Pino Nicotri

Benvenuti. Sono Giuseppe Nicotri, detto Pino. Nato il 15 agosto 1943, ho iniziato a collaborare a L’Espresso (allora aveva la E maiuscola) nel 1972 e per puro caso, per poi diventarne man mano collaboratore fisso, redattore, caposervizio e infine inviato. Su richiesta di Eugenio Scalfari, sono stato anche corrispondente dal Veneto del quotidiano la Repubblica fin dalla sua fondazione. Dall’ottobre 1977 fino al dicembre 1979 sono stato caposervizio del quotidiano il Mattino di Padova, giornale che ho contribuito a far nascere sia reperendo alcuni soci locali e sia indicando all’editore – all’epoca Giorgio Mondadori, coadiuvato da Gianfranco Cantini – quasi tutti i nomi di chi assumere come giornalista tanto al Mattino quanto al “gemello” la Tribuna di Treviso. Dal 1986 al 1994 ho condotto su Telepadova il programma di informazione e dibattito settimanale Profondo News, da me ideato.

Ho scritto una dozzina di libri di attualità e un romanzo. Il primo è Il Silenzio di Stato, pubblicato da Sapere Edizioni nel 1973, il cui lavoro di ricerca ha contribuito in modo decisivo – merito del collega Mario Scialoja, all’epoca già famoso e bravissimo inviato de L’Espresso – a far crollare la falsa pista anarchica delle bombe del 12 dicembre 1969, compresa quella della strage milanese di piazza Fontana addebitata al ballerino Pietro Valpreda. Le anticipazioni del contenuto del Silenzio di Stato hanno dato inizio alla mia collaborazione con L’Espresso. Scialoja era già un giornalista affermato, che ovviamente ignorava la mia esistenza (ero un qualunque studente universitario di Fisica, per giunta fuori corso). Il 1° settembre 1972 partì da Roma con la sua Alfa Romeo 1.750 e piombò a Padova a cercarmi solo perché aveva saputo da una comune conoscente che stavo scrivendo un libro nel quale raccontavo, tra l’altro, come all’epoca della strage di piazza Fontana un mio ex compagno di appartamento, lo studente di Ingegneria Giorgio Caniglia, avesse da tempo una borsa marca Mossbach&Grueber eguale a quelle usate per nascondere gli ordigni del 12 dicembre. Il mio amico la sua Mossbach&Grueber l’aveva comprata a Padova, particolare che smentiva in pieno quanto affermato ufficialmente dagli organi di polizia, secondo i quali in Italia borse di quella marca non erano mai state in vendita. Nonostante la vicenda borse fosse il clou del libro che stavo scrivendo, accettai di portare Scialoja – un mostro di incontenibile simpatia e spirito di iniziativa, oltre che automobilista da cardiopalma – a casa del mio amico. Giorgio diffidava della stampa al punto che la sua vecchia Mossbach&Grueber preferì venderla a me (per 5.000 lire, poco più di 2 euro e mezzo) perché la regalassi io al giornalista anziché cedergliela direttamente lui. Come si legge a pagina 53 de Il Silenzio di Stato, già il giorno dopo – 2 settembre – il magistrato Gerardo D’Ambrosio si vide consegnare a Milano da Scialoja la prova che innescò la distruzione della montatura su piazza Fontana e dintorni. Nel numero datato 8 settembre L’Espresso pubblica lo scoop intitolato “C’è un’orma nuova”, nel quale Scialoja racconta come abbia appreso da me l’esistenza della borsa di Caniglia, del quale fa il nome, e come sia stato da me portato a casa sua per prenderla in consegna. L’articolo spiega anche che stavo “preparando un libro bianco sulle “responsabilità” della polizia e della magistratura padovana” e si chiude con queste parole: “Comunque, prima di rendere pubblica questa storia ne ho informato direttamente il giudice D’Ambrosio nel suo ufficio al secondo piano del palazzo di giustizia di Milano”.

Imboccata finalmente la pista giusta, il magistrato in seguito potè scoprire anche come sia il ministero degli Interni che i servizi segreti militari mentissero per proteggere in vario modo i colpevoli: vale a dire, un gruppo di nazifascisti veneti, capitanati dal padovano Giorgio Franco Freda, alcuni dei quali i servizi fecero fuggire e nascosero all’estero per evitarne la cattura. Si scoprirà in seguito, tra molto altro, che la questura padovana e il ministero degli Interni già 48 ore dopo la strage sapevano da una commessa della valigeria Al Duomo che c’era chi aveva acquistato in quel negozio 4 o 5 borse Mossbach&Grueber pochi giorni prima degli attentati e qualche tempo dopo seppero dalla setssa commessa che l’acquirente era proprio Freda. Sarà il più volte ministro della Difesa e capo del governo Giulio Andreotti a dover infine rendere pubblico che i servizi segreti militari erano da tempo in contatto con quei terroristi tramite il giornalista Guido Giannettini, arruolato a libro paga come “l’agente Z”. Se quegli organi dello Stato non avessero cospirato, mentito, depistato e insabbiato, il “mistero” della strage del 12 dicembre sarebbe stato risolto in meno di una settimana. E se non ci fossero stati Caniglia con la sua borsa, L’Espresso e Scialoja la verità su piazza Fontana e dintorni sarebbe rimasta sepolta con i suoi morti.

L’ultimo mio libro è “Emanuela Orlandi – La Verità – Dai lupi grigi alla banda della Magliana”., in libreiriadal 18 novembre 2008. Ho anche scritto un romanzo: Vicolo Skandenderg, pubblicato da Marsilio nel 1994.

Il mio articolo su L’Espresso “La brigata manda a dire” ha permesso di individuare nell’ottobre 1980 gli autori dell’uccisione del giornalista milanese Walter Tobagi.

Le Shoà degli altri di cui non si parla: chi ruba i bambini a chi. Ma anche Ratzinger non ci sente….

1) – Il papa è arrivato in Australia. Ha detto qualcosa sui preti pedofili, ma non abbastanza. Ma sarebbe il caso dicesse qualcosa soprattutto sulla “generazione rubata”, vale a dire sugli oltre 100 mila bambini aborigeni rapiti nel secolo scorso alle loro famiglie dai colonizzatori bianchi per essere “civilizzati” e “cristianizzati” a tutti i costi, ma spesso in realtà violentati, torturati, uccisi. Per non parlare dello sterminio – c’è chi parla di Olocausto o Shoà – degli aborigeni in intere regioni, come per esempio la Tasmania. Il governo ha già ammesso alcune colpe, in alcuni casi – pochissimi – ha pagato anche dei risarcimenti. Continua a leggere